Vacanze (di Pasqua) romane – sole, papa e pappa

Sei ore di macchina. E se piange tutto il tempo? Portiamo i tappi? Facciamo mille soste?

Queste le domande e i dubbi che tormentavano me e Papino quando abbiamo deciso di trascorrere le vacanze di Pasqua a Roma. Il primo viaggio medio/lungo in macchina con Ciccino, che fino a quel momento non è che avesse dimostrato grande amore per le quattro ruote. Spesso anche solo per tragitti di cinque minuti piangeva tutto il tempo, non era sicuramente il classico bambino che crolla appena messo in moto!

Ma si sa, questa mamma non molla proprio. E allora si parte!!

I giorni sono pochi, solo tre scarsi, quindi sveglia all’alba e subito in strada. Davanti agli occhi increduli di mamma e papà, Ciccino crolla praticamente subito e si sveglia solo per le due soste cibo&benzina. Sulla nostra rotta un tempaccio che ci accompagna fino a destinazione e ci fa compagnia per tutto il giorno.

Un po’ sfortunati con la pioggia decidiamo di trascorrere il pomeriggio di sabato a casa dell’amica di mamma fra chiacchiere fra donne e partita di calcio per Papino e Ciccino. Cena in un posto squisito e nanna (dopo una bruttissima esperienza di grandinata su noi poveri turisti) nell’ottimo b&b che ci ha ospitati (in un prossimo post vi consiglierò con tanto di nomi e foto).

Domenica mattina. Supercarichi dalla notte di nanna praticamente senza risvegli ci prepariamo, marsupio in spalle e si va. Direzione San Pietro. Vabbè, forse il punto di vista religioso non è il nostro primo obiettivo, però come non passare la mattina di Pasqua dal nuovo Papa, nonchè omonimo di Ciccino?

Atmosfera splendida, sole accecante che bacia i belli e Ciccino incravattato sono le cose più belle dalla mattinata. Il nostro omonimo ci saluta e ci augura buon pranzo. E allora andiamo, seppur in viaggio il nostro animo calabro non ci abbandona, quindi subito a tavola.

Immagine

Ph. by Farah M.

Immagine

Immagine

Ph. by Farah M.

Dopo la mangiatona mamma non perde le energie (Papino invece sì, e quindi per lui sosta riposino). Ci rimarsupiamo e decidiamo di tornare in Piazza San Pietro, per cercare di goderne un po’ senza la massa di gente della mattina. Ed è un’ottima idea, le sensazioni che si provano sono difficili da descrivere, ci si sente piccoli piccoli quando ci si trova immersi in questo capolavoro di architettura e urbanistica. Io cerco di spiegare a Ciccino quanto sia fortunato a visitare forse la città più bella del mondo (un po’ di campanilismo non guasta mai) ma lui proprio non ce la fa a star sveglio. Quindi ci rinuncio.

Immagine

Immagine

Ph. by Farah Mesiti

Mi abbandono alla contemplazione del colonnato, dell’obelisco e la vista si perde arrivando all’immensa cupola della basilica. Puoi vedere questi luoghi anche mille volte, ma ogni volta è come se fosse la prima, stesso stupore, stessa magia, stessa bocca aperta.

Immagine

Ph. by Farah M.

Questa la prima parte della nostra Pasqua, la prima in tre, che certo rimarrà nella memoria come una giornata piena di sorrisi e, permettetemi la banalità, amore puro.

… continua

Annunci

Tag:, , , , , , , , , , ,

9 responses to “Vacanze (di Pasqua) romane – sole, papa e pappa”

  1. Farah - Viaggi nel Cassetto says :

    Che nostalgia!
    Che bello avervi avuti qui con me… bissiamo il 19 luglio, vero? 🙂
    Brava tu :*

  2. Marina da mamma a mamma says :

    Ciao Elena, il tuo bimbo è bello anche in foto! 🙂
    Baci

  3. Misterkappa says :

    Bel post, mi piace! 🙂
    Io nel mio blog mi occupo di libri, musica e telefilm! Se ti va passa e fammi sapere che ne pensi 🙂
    loscrittoreimpenitente.wordpress.com
    Ancora complimenti! 🙂

Lascia qui un tuo commento!

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...